Ricercare e filtrare contenuti

Il consiglio dell'esperto

Il balcone si tinge di verde,
anche senza pollice verde

Testo: Lena Grossmüller, foto: Lena Grossmüller, istockphoto.com, Header: Rina H. / photocase.de, Slider: REHvolution.de, Thomas Ruppel, neophoto, AndreasF., morningside, Nordreisender / photcase.de / 19.04.2016

Non avete il pollice verde, ma vi piace avere tanti fiori e piante utili sul vostro balcone e nel vostro piccolo giardino? Il giardiniere René E. Lutz può darvi qualche consiglio utile e dirvi quali varietà di fiori e piante si coltivano bene e facilmente.

In alcune annate, le piante di basilico sui balconi appaiono scarne e i pidocchi delle piante (afidi) prendono d'assalto i fiori ancora teneri. Questo è quanto accade a tante persone che tengono qualche fioriera in balcone o coltivano una piccola aiuola in giardino. Cosa si potrebbe fare per evitare tutto ciò, senza dover necessariamente frequentare un corso di floricoltura? MyCard ha incontrato René E. Lutz, giardiniere qualificato e titolare dell'azienda di floricoltura Lutz Gärten, presso la sede del consorzio Zürcher Blumenbörse per parlare dei trend del settore del giardinaggio, delle piante ideali per i balconi e di trucchi e consigli per gli amanti del giardinaggio.

L'esperto del verde: il giardiniere René E. Lutz.

René Lutz, cosa significa per un professionista avere il pollice verde?
Per me, una persona che ha il pollice verde è in grado di capire se una pianta sta bene oppure no. Purtroppo non è una dote scontata, neppure tra i giardinieri. Deve essere una vocazione, non solo una professione.

Da cosa dipende il fatto che, nonostante una persona abbia il pollice verde, le piante del suo balcone non crescono bene?
Un motivo ricorrente è la mancanza di spazio. Le piccole fioriere da balcone spesso non offrono sufficiente spazio alle piante. Anche l'importanza del concime spesso viene sottovalutata. Per non parlare poi del fatto che le piante sul balcone sono esposte a condizioni meteorologiche estreme: talvolta è molto caldo, poi di nuovo molto freddo e poi molto ventoso. Tutto ciò mette a dura prova le piante.

Qual è il motivo più frequente per cui le piante muoiono?
Ma è ovvio: la posizione sbagliata. Le piante che amano l'ombra, ovviamente, non devono essere esposte ai raggi diretti del sole. Le erbe aromatiche, invece, tollerano il sole relativamente bene, ma devono essere annaffiate a sufficienza. In molti casi basta già informarsi preventivamente. È sufficiente consultare un libro sulle piante, rivolgersi a un giardiniere o cercare informazioni su Internet.

«Il giardiniere impaziente sarà punito.»

Le erbe aromatiche come l'erba cipollina e il prezzemolo si piantano bene nelle fioriere da balcone.

Si possono fare errori già nella fase dell'acquisto?
Sì, ovvero si può acquistare una pianta nel periodo sbagliato. Ad esempio se si acquistano delle primule agli inizi di marzo, è probabile che muoiano alla prima gelata. Le piante provengono spesso dalle serre e non tollerano i cambiamenti improvvisi di tempo e il freddo. Io dico sempre: il giardiniere impaziente sarà punito.  

Quanto conta scegliere il terriccio giusto?
È molto importante. Gli hobbisti del giardinaggio spesso lo sottovalutano. Molte piante hanno bisogno di un terreno leggermente acido. Se ad esempio piantate un arbusto di rododendri in un terreno svizzero, sicuramente morirà. Questa pianta necessita di un terreno ben drenato e ricco di torba per poter crescere in condizioni ottimali. In generale sono molte le piante che richiedono la torba nel terreno o sostanze sostitutive come le fibre di cocco. Per i fiori o le erbe aromatiche comuni, tuttavia, è sufficiente un terriccio per piante fiorite comunemente disponibile in commercio, che dovrebbe essere cambiato ogni due o tre anni.

È peggio annaffiare troppo o troppo poco?
Entrambe le cose non vanno bene. Le piante hanno bisogno di sufficiente acqua, ma a nessuna piace restare in ammollo. Per evitare i ristagni di acqua basta un semplice sistema di drenaggio, che risulta efficace anche nelle fioriere da balcone: dapprima si crea uno strato di sfere di argilla espansa, poi un po' di tessuto non tessuto e sopra del terriccio con la pianta. Per controllare il bilancio idrico di una pianta è sufficiente anche infilare un dito nel terriccio: se è ancora umido significa che l'apporto di acqua è sufficiente, se invece è asciutto, la pianta necessita di ulteriore acqua.

«A nessuna pianta piace restare in ammollo.»

Quali piante non devono essere piantate vicine?
Questo aspetto è relativamente trascurabile nei giardini e nei balconi. Solo per quanto riguarda l'erba cipollina, c'è una regola d'oro da osservare: non va mai piantata da sola. Questo è anche il motivo per cui in un vaso si piantano sempre due o tre ciuffi.

Quali sono i trend del momento nel settore del giardinaggio e delle piante?
L'urban gardening continua a essere in gran voga. Sempre più persone utilizzano i balconi e le terrazze sui tetti per piantare pomodori, insalate o erbe aromatiche. È diventato importante sapere da dove provengono i cibi con cui ci nutriamo. Anche se magari si riesce a raccogliere solo cinque pomodori all'anno, per lo meno si ha la certezza che provengono dal proprio balcone. Oltre al crescente entusiasmo per i piccoli ortaggi e le piante utili, a dominare la scena, soprattutto nei giardini svizzeri, sono come sempre le piante ornamentali.

Alla ricerca dei nuovi trend del giardinaggio almeno una volta a settimana: René E. Lutz presso il consorzio Zürcher Blumenbörse.

Come si può praticare l'urban gardening in modo semplice sul proprio balcone o nel proprio piccolo giardino?
Basta posizionare due grandi fioriere e iniziare. Non occorre tanto spazio, bastano anche solo due metri quadrati. L'importante è non usare le piccole fioriere da balcone perché offrono poco spazio alle piante e si riempiono abbastanza velocemente. Una fioriera o un vaso di grandi dimensioni è la soluzione giusta.

«Le erbe sono le piante ideali per giardinieri alle prime armi.»

Le piccole erbe ornamentali richiedono poche cure e sono perfette per i giardinieri alle prime armi.

Cosa posso fare perché nel mio balcone regni il verde tutto l'anno?
In linea generale la richiesta di «sempre verde» è fortemente aumentata. Probabilmente perché le superfici verdi nei centri urbani sono sempre più in calo e almeno a casa si desidera essere circondati da un po' più di natura. Oltre alle piante sempre verdi c'è una bellissima varietà di geranio di origine naturale, il geranio di S. Roberto, anch'esso particolarmente adatto a questo tipo di utilizzo. Grazie a una nuova coltura può fiorire in balcone dalla primavera alle prime gelate.

Quale pianta richiede cure particolarmente semplici per gli appassionati di giardinaggio?
Le erbe. Ce ne sono di diverse dimensioni, che a seconda delle esigenze possono essere piantate nelle fioriere da balcone. Di certo hanno bisogno di molta acqua, ma per il resto sono di facile manutenzione. Inoltre possono essere piantate insieme ad arbusti e sono molto belle da vedere quando soffia il vento. In generale è meglio iniziare con una pianta piccola.

Un segreto che tutti gli amanti del giardinaggio dovrebbero conoscere?
La pazienza. Per fare giardinaggio occorre tempo e bisogna prendersene a sufficienza.

Breve ritratto del giardiniere René Lutz
Dal 2004 René E. Lutz gestisce l'azienda di floricoltura Lutz Gärten, che conta due sedi a Maur e Gossau (ZH). L'azienda si è specializzata nella progettazione, realizzazione e cura dei giardini, soprattutto di quelli allestiti con pietre naturali. Da sei anni l'azienda di René E. Lutz viene incaricata da «Beyer Uhren und Juwelen» di proporre una veste invernale sempre nuova per l'orologio di fiori presente nella Bürkliplatz di Zurigo. der-gaertner.ch  

Consigli sulla cura del giardino e sui rimedi antiparassitari biologici  
www.biogarten.ch (in tedesco e francese)

La piattaforma per l'urban gardening 
www.vegandthecity.ch (in tedesco)

I giardini urbani in Svizzera
www.nachhaltigleben.ch (in tedesco)

CONCORSO

In palio un weekend di benessere a Zurigo

Partecipate subito

Altri articoli