Ricercare e filtrare contenuti

Consiglio per le carte

Come non cadere nelle trappole di truffatori

Foto: iStockphoto: Poike / 27.03.2018

Vi è già capitato di ricevere un'e-mail e di domandarvi se provenga veramente dall'azienda indicata nel mittente? Ci sono buone possibilità che si sia trattato di un tentativo fraudolento di accedere ai vostri dati personali. Vi spieghiamo a cosa dovete prestare attenzione e come potete proteggervi in questi casi.

I moderni strumenti di comunicazione ci semplificano tantissimo la vita, ma di tanto in tanto ci pongono anche davanti a sfide che preferiremmo evitare. Immaginatevi di ricevere un'e-mail con l'oggetto «Sblocco della sua carta di credito». Nel complesso vi sembra affidabile: sono presenti i soliti loghi, il mittente sembra essere giusto, nel testo non vi sono errori di battitura. Tuttavia non assecondate la richiesta di cliccare sul link per annullare il blocco della carta di credito. Arriviamo subito al punto: fidatevi del vostro istinto e non cliccate sul link perché si tratta di un'e-mail di phishing di un truffatore che ha puntato ai vostri dati confidenziali.

Il phishing, una parola composta da «password» e «fishing», purtroppo è un fenomeno molto diffuso. Non tutte le e-mail fraudolente, che inoltre sono redatte in modo sempre più professionale, vengono intercettate dai filtri del vostro provider di posta. Pertanto è importante che sappiate che Viseca non vi chiederà mai tramite e-mail di fornire e aggiornare dati confidenziali o di riattivare il vostro conto cliccando su un link. L'unica eccezione sono le e-mail che vi vengono inviate per registrarvi al programma bonus surprize e al servizio digitale one.

Ecco come comportarsi in caso di e-mail di phishing

1.

Non rispondete a nessuna e-mail che vi sembri sospetta

2.

Non cliccate mai sul link contenuto in un'e-mail che vi sembra sospetta

3.

Inserite l'URL www.viseca.ch sempre direttamente nel browser

4.

Utilizzate password diverse per i vostri accessi online

5.

Controllate sempre la fattura della vostra carta di credito e segnalateci immediatamente al telefono eventuali abusi o altre irregolarità

6.

Se avete dubbi, contattate il nostro servizio clienti e inoltrate le e-mail sospette a internetsecurity@viseca.ch

7.

Se avete trasmesso dati sensibili mettetevi subito in contatto con la nostra centrale di blocco per far bloccare la carta in questione

8.

Se avete fornito anche i dati di accesso a one comunicatelo ai nostri collaboratori e bloccate anche il vostro attuale account one

Maggiori informazioni
Maggiori informazioni sul tema e-mail di phishing e sicurezza sono disponibili sul nostro sito web. Anche MELANI, la Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione della Confederazione, ha pubblicato un articolo sulle e-mail di phishing e sulle carte di credito.

Altri articoli