Ricercare e filtrare contenuti

Moda

I trend della moda estate 2016

Testo: Kathrin Eckhardt / Foto: Louis Vuitton, Indigital Images / 23.05.2016

Gli abiti non solo proteggono dalla pioggia, dal freddo e dal sole, ma ci dicono anche qualcosa sulla persona che li indossa. Kathrin Eckhardt, l’esperta di moda di MyCard, descrive i cinque stili che andranno particolarmente di moda quest’estate. Scoprite di più!

La sognatrice

Se potesse trasformarsi in un animale, sceglierebbe la farfalla. Con le sue ali colorate volerebbe leggiadra per tutta la giornata e di tanto in tanto si poserebbe su qualche bel fiore: che bella vita farebbe! Non stupisce quindi che la sognatrice abbia una passione per gli abiti decorati con stampe floreali, leggeri, svolazzanti e che le diano la sensazione di essere una farfalla. Oltre agli abiti lunghi fino ai piedi in tessuto trasparente, ama i pizzi e i colori pastello. Quest’estate la casa di moda Alexander MC Queen proporrà dei vestiti dalla magica leggerezza e lo stesso faranno Balenciaga, Oscar de la Renta e Simone Rocha.

Oltre agli abiti lunghi fino ai piedi in tessuto trasparente, ama i pizzi e i colori pastello.

Quando la sognatrice è a casa, il luogo che predilige in assoluto, prepara dei meravigliosi cup cake. Nessun decoro le sembra troppo laborioso pur di trasformare i suoi dolcetti in piccoli capolavori. La sua casa ha un arredamento chiaro e romantico, alle finestre sono appese tende trasparenti di pizzo. Sui tavoli e in bagno si trovano dei fiori. Seduta sul suo comodo sofà, guarda fuori e come sempre inizia a sognare a occhi aperti di elfi, polveri magiche e gnomi.

Il tuttofare

Petto villoso, barba di tre giorni e odore di olio di motori contraddistinguono il tuttofare tanto quanto la sua passione per le motociclette, la birra e gli amici. Dall’esterno lo si riconosce per il suo abbigliamento sobrio e casual. Preferisce i tessuti robusti e che non passano mai di moda. Indossa camicie, salopette e giacche in tessuto jeans spesso, camicie a quadri e stivali pesanti. I suoi vestiti devono essere in grado di tenere il passo con il suo stile di vita attivo. Fare shopping non è la sua passione. Ecco perché da anni si rifornisce sempre nello stesso negozio di jeans e indossa gli stessi vestiti per più stagioni. Quest’estate, però, non potrà evitare di fare acquisti più spesso perché persino i marchi di lusso proporranno degli articoli che soddisfano i suoi gusti. Givenchy, Alexander Wang e A.P.C attualmente puntano molto sullo stile dell’uomo tuttofare.

I suoi vestiti devono essere robusti e resistenti.

Durante il tempo libero gli piace fare qualche lavoretto sulla sua moto nell’officina di un amico o costruire una nuova credenza con luci integrate in cantina. Il tuttofare è soddisfatto della sua vita. Di giorno lavora come custode, di sera gioca a calcio nella squadra senior della Quinta Lega o si gode una birra fredda al pub con gli amici. Questo uomo burbero dal cuore tenero vive solo, la vita da scapolo gli si addice. Solo qualche volta, quando si sente solo, gli piacerebbe avere una donna al fianco che gli serva la birra o gli pulisca le macchie di olio sui jeans.

La regina delle discoteche

Fedele al motto «più c’è, meglio è», la regina delle discoteche ama tutto ciò che brilla e luccica. Il suo guardaroba pullula di magliette e giacchette con paillette, minigonne e abiti corti che non limitano in alcun modo la sua libertà di movimento mentre balla. Le paillette riflettono meglio le luci della discoteca ed è proprio per questo che le piacciono così tanto. Quest’anno i suoi capi preferiti saranno proposti da marchi come Tom Ford, Lanvin o Louis Vuitton e il cappotto di Loewe decorato con piccoli specchi la lascerà senza fiato.

Il suo guardaroba pullula di magliette e giacchette con paillette, minigonne e abiti corti.

Leggerezza, libertà e indipendenza sono i valori che contano di più per lei. Per soddisfare la sua anima festaiola ed essere felice, ha bisogno di muoversi. Ama ballare tutta la notte e a volte trascorre la giornata partecipando a vari after-party. Le piacciono i bassi roboanti e la musica a tutto volume. Si guadagna un po’ da vivere facendo la DJ e facendosi così conoscere tra i nottambuli. Quanto le sarebbe piaciuto vivere ai tempi del celebre night club Studio 54 a New York.

Il giramondo

È sempre in giro e mai a casa. Si definisce un «cittadino del mondo». E lo si intuisce anche dal suo look: l’abbigliamento del giramondo è un mix di elementi provenienti da ogni parte del mondo. La camicia in tessuto batik africano proviene dal Togo, i pantaloni alla pescatora in cotone pesante dal Giappone e le collane di fili colorati sono un souvenir del suo recente viaggio in Nepal. È fortunato perché il mix di stili sarà in gran voga questa estate. Haider Ackermann, Junya Watanabe e Bottega Veneta si ispirano alle culture della moda di tutto il mondo.

L’abbigliamento del giramondo è un mix di elementi provenienti da ogni parte del mondo.

Il giramondo non desidera capi sempre nuovi. I suoi abiti devono essere pratici e ricordargli le fantastiche esperienze vissute. Ecco perché i pochi vestiti e accessori che possiede hanno un valore enorme per lui. Sono tutti ricordi della sua vita. Rispetta il suo spirito ecologista che gli impone di acquistare prodotti di qualità. Durante i suoi viaggi nei Paesi più poveri del mondo ha potuto vedere con i suoi occhi cosa può provocare la società del consumismo a livello di inquinamento ambientale.

La donna determinata

Nero o bianco, bianco o nero? Non è una domanda facile. Per la donna determinata non esistono le vie di mezzo. Né nella vita né nel guardaroba. Gli abiti hanno la funzione di proteggerla. Ecco perché devono essere in tessuto robusto e avere colletti rigidi e bordi ben definiti. Le piacciono i colori decisi e i motivi e i tagli geometrici che le ricordano l’architettura. La donna razionale trae dal proprio abbigliamento la sicurezza e la forza necessarie per non deviare dal suo cammino. A conquistarla quest’estate saranno soprattutto le collezioni di Marni, Hermès e Dior.

Le piacciono i colori decisi e i motivi e i tagli geometrici che le ricordano l’architettura.

È architetto, curatrice d’arte o designer industriale. Sa quasi sempre ciò che vuole e prende decisioni sulla base di dati di fatto puramente oggettivi. Prima di prendere una qualsiasi decisione difficile prepara un elenco di pro e contra e in base a questi giunge a una conclusione. I sentimenti non vengono presi in considerazione, talvolta vanno completamente persi. Li condivide solo con suo marito il venerdì sera, davanti a un bicchiere di vino, dopo aver finito di lavorare. A casa si permette di cedere alla sua passione per i mobili di design rari appartenenti a epoche ormai passate. Nel tempo libero ama visitare mostre di design o fare jogging. Si allena per la maratona di New York dove vorrebbe raggiungere il suo record personale.

Categoria:

moda

Altri articoli