Ricercare e filtrare contenuti

Story

Fair fashion: consigli per il vostro guardaroba

Testo: Natalie Sniatala / Foto: Unsplash (Eduard Militaru) / 09.01.2019

Vi siete mai chiesti quale sia il significato di «fair fashion»? Di seguito vi spieghiamo i suoi principi più importanti e vi offriamo alcuni consigli semplici per un guardaroba etico ed ecologico.

Fair fashion, ethical fashion, slow fashion - nomi diversi che esprimono lo stesso concetto: un abbigliamento prodotto a livello industriale secondo principi etici ed ecologici.

I principi della moda equa
L’abbigliamento può essere definito equo se è prodotto e lavorato con materiali eco-compatibili. Nella maggior parte dei casi si utilizzano tessuti naturali come la lana, il cotone bio e il lino. La produzione è a basso impatto ambientale e i percorsi di trasporto sono ridotti al minimo. Si applicano inoltre criteri etici, come ad esempio pagamenti equi, condizioni di lavoro sicure per i collaboratori della produzione e lotta al lavoro minorile. Ci si assicura che i dipendenti indossino abiti da lavoro adeguati e non siano esposti a sostanze tossiche che potrebbero danneggiarne la salute.  

Label per orientarsi
Oggi esistono alcuni sigilli di qualità per prodotti tessili che si sono affermati sul mercato e possono essere un utile strumento di orientamento negli acquisti. Vi sono tuttavia anche tanti marchi di abbigliamento minori che non possiedono un sigillo di qualità, ma che tuttavia adottano una produzione etica e sostenibile. Quindi, vi consigliamo di consultare direttamente il sito web del produttore per trovare informazioni.

Fonte: Labelinfo.ch, 2018

Consigli per un guardaroba più sostenibile

1.

Qualità – maggiore è la qualità dei prodotti tessili, più a lungo potranno essere indossati. Vale la pena spendere di più soprattutto per l’abbigliamento base, del quale non vi stancherete neppure dopo anni.

2.

Acquisti ponderati – evitate gli acquisti d’impulso. Pensate a come potreste abbinare l’indumento e chiedetevi se vi piace veramente. Prendetevi del tempo per provare e imparate a essere selettivi.

3.

Utilizzo accurato – seguite le istruzioni di lavaggio e lavate i capi solo quando è veramente necessario. In questo modo preservate i tessuti e l’ambiente. Gli abiti in lana merino non vanno lavati di frequente in quanto le fibre naturali svolgono un’azione anti-odore. Spesso è quindi sufficiente far prendere loro aria.
 

4.

Used-Look – si tratta di un abbigliamento alla moda, ma la sua produzione comporta rischi per la salute dei lavoratori nelle fabbriche. Per ottenere lo used look, infatti, si utilizzano molte sostanze chimiche e polvere di quarzo.

5.

Upcycling e capi usati – fate riparare gli abiti rotti e rovinati, se possibile, piuttosto che destinarli alla raccolta degli abiti usati. Inoltre, potete fare veri affari nei negozi di articoli vintage e dell’usato.

6.

Etichetta – i tessuti sintetici come poliestere e poliammide sono adatti all’abbigliamento funzionale e sportivo perché si asciugano velocemente e ci proteggono dai cattivi odori. Quando acquistate un pullover invernale, invece, fareste meglio a scegliere una fibra naturale. La lana tiene caldo e allo stesso tempo è traspirante. Evitate di acquistare indumenti con indicazioni come «non stirare», «tessuto antipiega» e «lavare prima dell’uso». Spesso questi articoli contengono sostanze chimiche che sono nocive per la vostra salute e l’ambiente.

Con l’app one avete un quadro completo
Sia che effettuiate acquisti online oppure offline, con l’app one avete sempre il quadro completo. L’app per pagamenti semplici e sicuri riunisce tanti servizi pratici relativi all’utilizzo della vostra carta, dagli acquisti alla gestione delle transazioni. Scaricatela subito e scoprite i suoi vantaggi

Qui potete acquistare articoli di moda equa

Maggiori informazioni sulla moda equa sono disponibili su www.utopia.ch e su www.stylebock.de.

Categoria:

acquisti, moda, natura, story

Altri articoli