Ricercare e filtrare contenuti

Story

Viaggi in bicicletta: in giro su due ruote

Testo: Lena Grossmüller / Fotos: iStockphoto/Saro17 / 20.06.2018

Attraverso le montagne, lungo le sponde dei laghi o su strade urbane: i viaggi in bicicletta offrono prospettive sempre nuove. Ma a cosa bisogna prestare attenzione durante i preparativi? MyCard ha incontrato l'esperto di biciclette Daniel Suter di Maison Cyclo.

Ho in programma un viaggio in bicicletta. Cosa devo portare con me?
Che si tratti di un tour di una giornata o di una settimana, bisogna sempre avere con sé un kit per le riparazioni contenente: un piccolo strumento multifunzione, una camera d'aria sostitutiva, uno smontacopertoni così come una pompa o un gonfiatore con cartuccia. Consiglierei inoltre di portarsi sempre dietro il portafoglio per poter tornare a casa con i mezzi pubblici in caso di emergenza. Nei tour di più giorni ho sempre con me anche un lubrificante per la catena e qualche pezzo di ricambio fondamentale, come ad esempio un forcellino del cambio sostitutivo o una falsa maglia per catena, che non si trovano ovunque.

Parliamo di bagagli: cosa devo portarmi e qual è il modo migliore per trasportarli?
Il consiglio numero uno è: non portare con sé troppe cose! Minore è il peso, maggiore è il divertimento in bicicletta. Per quanto riguarda l'abbigliamento scelgo abiti multifunzionali che posso indossare sia nel tempo libero che per andare in bicicletta. Una buona tenuta da bicicletta in lana merino è particolarmente adatta perché si asciuga velocemente. Per il trasporto dei bagagli nei viaggi di più giorni consiglio delle borse leggere da applicare direttamente al sellino nelle bici da corsa oppure delle borse da bici da fissare sul portapacchi nelle bici da cicloturismo. Da una parte perché in questo modo avrete più spazio a disposizione e, dall'altra, perché a lungo andare uno zaino affaticherebbe troppo la schiena.

A cosa devo prestare attenzione quando noleggio una bicicletta?
Ciò che conta è che la bicicletta sia robusta e in buone condizioni. Inoltre, è importante controllare le funzioni principali, come i freni, il cambio e le luci. A seconda del programma, sceglierei inoltre una bici da cicloturismo e non una city bike con cestino e ruote pesanti. Con quest'ultima riuscireste ad affrontare lunghi percorsi solo a gran fatica. Inoltre, il profilo degli pneumatici deve essere adatto all'itinerario che avete in programma: per i sentieri asfaltati, con pietrisco o ghiaia è sufficiente un profilo piatto, mentre per i tour in montagna gli pneumatici dovrebbero avere un profilo più spesso o dei tasselli.

Ai principianti Daniel Suter consiglia di percorrere una distanza giornaliera di circa 60 km; i ciclisti più esperti invece possono percorrerne anche più del doppio.

C'è bisogno di una cartina speciale per orientarsi?
Personalmente preferisco viaggiare con un ciclocomputer con GPS su cui posso caricare il mio itinerario e che mi guidi durante il tragitto. Per la pianificazione a monte utilizzo il fornitore di mappe gratuito Open Street Map o anche GPSies, una piattaforma sulla quale gli utenti mettono a disposizione i loro tour in bicicletta perché possano essere scaricati da altri. Per pianificare i viaggi in bicicletta in Svizzera è molto utile anche il sito svizzeramobile.ch.

Quali sono i disturbi fisici che si riscontrano più di frequente e come si possono prevenire?
I dolori più frequenti riguardano i glutei. Ecco perché è indispensabile indossare dei buoni pantaloni da ciclismo con imbottitura e applicare regolarmente una crema su sedere e cosce per prevenire le irritazioni cutanee. Dopo ogni giro è importante inoltre fare dello stretching, soprattutto per i muscoli delle gambe e della schiena. Una scorretta regolazione della posizione di seduta è spesso causa di dolori e quindi di problemi alle ginocchia e alla schiena. Per regolare il sellino all'altezza giusta, sedetevi stando diritti e tendendo le gambe: a questo punto il tallone deve toccare il pedale.  

Esistono regole particolari che devono essere rispettate all'estero?
Dipende sempre dal Paese. Cercherei informazioni sui siti web degli uffici del turismo prima di partire. Se volete percorrere parte del vostro tragitto in treno, dovreste verificare dapprima se è possibile ed eventualmente prenotare i biglietti in anticipo. Inoltre, prima di un viaggio, verifico sempre che la mia copertura assicurativa sia sufficiente anche all'estero per essere assicurato in caso di emergenza.

Ci può consigliare qualche itinerario particolarmente affascinante in Svizzera?
Ai principianti che possiedono una bicicletta normale o da cicloturismo consiglio un tour di una giornata da Winterthur alle cascate del Reno oppure attorno al lago di Costanza. Un altro territorio interessante è l'Oberland zurighese. Ai ciclisti più esperti proporrei invece questo itinerario: da Thusis, nei Grigioni, fino in Engadina attraversando il passo del Giulio e proseguendo poi per il passo del Maloja fino a Chiavenna, in Italia. A Chiavenna si può pernottare e riprendere la via del ritorno l'indomani attraverso il passo dello Spluga e il San Bernardino fino a Bellinzona. È un percorso impegnativo con molti metri di dislivello e circa 150 km da percorrere al giorno, ma ne vale veramente la pena! Se possibile, consiglio di evitare i periodi di vacanza perché c'è molto traffico.

Dove si possono trovare informazioni sui viaggi in bicicletta?
Per i tour in bicicletta in Svizzera c'è la piattaforma SvizzeraMobile, dove si possono trovare innumerevoli mappe con percorsi ciclistici. Se siete abbonati a SvizzeraMobile potete persino tracciare i vostri percorsi e ricevere informazioni dettagliate su dislivelli e distanze. Alcune società che offrono viaggi in bicicletta all'estero con guida sono ad esempio Huerzeler Bicycle Holidays, Abenteuerreisen.ch e Bici Veloreisen.

Maison Cyclo
Maison Cyclo è uno shop online svizzero specializzato in abbigliamento da bicicletta di alta qualità. Le caratteristiche principali del suo assortimento sono l'alta qualità, il design sobrio e i materiali funzionali come la lana merino. Maison Cyclo ha un negozio a Winterthur, in Bahnmeisterweg 12. Daniel Suter, fondatore e direttore di Maison Cyclo, ha già esplorato vari Paesi in sella alla sua bicicletta: oltre alla Svizzera, il Giappone, la Spagna, l'Italia e la Francia.

maisoncyclo.ch
 

Pratici premi surprize per i vostri viaggi in bicicletta

Altri articoli